Categorie di prodotti

Tu sei qui: Casa > Notizie

Tassa di pneumatici In Sud Africa

source:
Durante il suo discorso di bilancio a medio termine, ministro delle finanze Pravin Gordhan ha ribadito che diverse misure sono stati esplorati per aumentare le entrate fiscali supplementari per fiscus. Questi includono il programma speciale per divulgazione volontaria (1° ottobre 2016 - 30 giugno 2017) che è in atto e due nuove imposte; la tassa di zucchero (1° aprile 2017) e pneumatici fiscale (1° febbraio 2017), tra gli altri.
To ring fence or not to ring fence?

Mentre sappiamo bene che il governo ha bisogno di reperire fondi supplementari per il fiscus, non crediamo che il modello di tassa di pneumatici è il modo migliore per generare entrate e unità di crescita economica. Questo è di fronte alla crescente disoccupazione – attualmente seduto al 26.6% - e restringente crescita economica del paese – la nostra previsione di crescita del PIL è stata ancora una volta diminuita allo 0,9% per il 2016.

È nostra opinione che se rifiuti il pneumatico attuale canone di gestione raccolte da REDISA sposta nella fiscus, porterà alla fine i progressi significativi che abbiamo raggiunto in soli tre anni. Oltre 200 SMMEs si affidano il tutoraggio, supporto e assistenza resa possibile dal piano REDISA. 19 studenti universitari stanno avvantaggiando attraverso borse di studio REDISA e 3.500 posti di lavoro si basano sulla rete che è stata creata.

Confronta questo per il flusso di gestione dei rifiuti del sacchetto di plastica dove una tassa è stata implementata nel maggio 2003, e il contrasto è sconcertante. Di R200m raccolti ogni anno, solo R30m viene assegnato al dipartimento degli affari ambientali di impatto diretto lo sviluppo dell'industria. Ciò significa un totale di solo il 15%.

Di là della logica economica, la tassa di sacchetto di plastica è stato messo in atto per incentivare il riutilizzo e il riciclaggio mentre mitigare gli impatti ambientali dell'inquinamento di sacchetto di plastica. Il denaro raccolto è stato significato per l'espansione della raccolta dei rifiuti, compresa l'istituzione di SMMEs di raccolta rifiuti rurale, creazione di posti di lavoro, miglioramento delle competenze e alla riqualificazione lavoratori nel campo delle materie plastiche. Basato su ricerche fatte questo ha dimostrato di avere fallito.

La domanda allora è perché sarebbe il governo vuole andare lungo una strada che alla fine porterà al crollo di ciò che è un settore in via di sviluppo?

Il diavolo è nei dettagli.

Capire la differenza


Capire la differenza tra il REDISA rifiuti commissioni di gestione e una tassa di soggiorno è fondamentale per garantire il successo di questo nuovo pneumatico lo sviluppo dell'industria di riciclaggio.

Una tassa è un contributo obbligatorio alle entrate dello stato, riscossa dal governo su workersand #39; i profitti di reddito e di affari, o aggiunto al costo di alcuni beni, servizi e transazioni. Soldi raccolti dalle tasse vanno in generale fiscus.

Il costo di gestione dei rifiuti è invece un costo pagato dai produttori per compensare il costo di trattare con pneumatici quando raggiungono la fine della vita, in modo direttamente proporzionale al volume di pneumatici che hanno messo nel mercato. Una differenza fondamentale è che questo denaro viene applicato direttamente e specificamente a che fare con il prodotto e a costruire l'industria del riciclaggio. Questi fondi sono gestiti responsabilmente, in modo controllato e responsabile, che lo rende molto più efficace di un sistema basato su fiscale dove fondi vengono diluiti in piscina tesoreria generale senza essere circoscritti.

Un ulteriore punto da considerare è il concetto di responsabilità di produttore esteso (EPR). Nella gestione dei rifiuti, l'EPR è una strategia che è stata progettata per favorire l'integrazione dei costi ambientali associati con le merci lungo l'intero ciclo di vita nel prezzo di mercato dei prodotti. Il piano REDISA promuove questo principio e assicura che attraverso la ricerca e sviluppo intraprese, tale responsabilità sarà ulteriormente estesa per promuovere lo sviluppo di prodotti più ecologici in futuro.

Qualcosa che l'industria è timoroso di.

Confrontando le mele con le pere


I fondi raccolti dalla tassa sul sacchetto di plastica andare direttamente al governo fiscus, con la DEA dover applicare al tesoro di recuperare somme di denaro al fine di sviluppare l'industria del riciclaggio promesso. Questo ha dimostrato di non riuscire. Un'ONG chiamata Buyisa-e-Bag è stata avviata nel 2004 come il braccio di implementazione, ma è stata liquidata nel 2011 senza essere in grado di raggiungere i suoi obiettivi chiave. Uno studio dal CSIR ha riferito che durante l'anno finanziario 2006 febbraio solo il 7% dei contributi raccolti in realtà pagato per Buyisa-e-Bag, così forse non sorprende che l'organizzazione ha chiuso con poco da mostrare.

Al contrario, quando il piano di REDISA è stato legiferato, Ministro Molewa ha sottolineato che il costo di gestione dei rifiuti raccolto sarebbe non finiscono in generale fiscus e che sarebbe la responsabilità di coloro introducendo i rifiuti, cioè produce pneumatici e rifiuti di importatori, di pagare per la bonifica del risultante. Il vantaggio è che REDISA è 100% responsabile di ciò che accade con i fondi attraverso pratiche di governo societario rigoroso e requisiti di controllo che garantiscono tali fondi vengono applicati secondo i mandati stabiliti nel piano.

È difficile capire perché industria preferirebbe per il prelievo di pneumatici di andare il modo della tassa sacchetto di plastica.

Dove da qui?


Che cosa ha fatto il piano di REDISA successo negli ultimi tre anni, è il suo attuale modello di finanziamento – in cui le tasse sono pagate direttamente al REDISA e trascorso in modo controllabile e responsabile.

Il piano di REDISA, che ha ottenuto un riconoscimento globale, ha dimostrato di essere una soluzione che fornisce il governo un piano fattibile senza alcun costo per il fiscus. L'approccio è quello che è stato messo in atto per stimolare la crescita economica e socio-economico, e sta funzionando. Per rimuovere l'unico aspetto che lo rende così tanto successo e sostituirlo con un approccio che ha dimostrato di non riuscire, sarebbe miope e a scapito di non solo tutti i coinvolti, ma per il futuro dello sviluppo di gestione dei rifiuti nel paese. Un'industria che abbiamo stimato per riuscire a unità R150m per pneumatici usati soli in termini di stimolo economico.

È tempo sudafricani rivisto l'attuale status quo e si sono chiesti se la nostra attuale generazione di entrate modello è il migliore per l'economia. Il modello di pneumatico fiscale beneficeranno solo governo, dato che l'attuale clima non è ideale.

Abbiamo provato attraverso il piano REDISA che una tassa di gestione dei rifiuti è la soluzione migliore non solo per avere un impatto positivo sull'ambiente, ma anche per guidare la crescita economica, sviluppare infrastrutture e una nuova industria che ha creato occasioni di piccola impresa e fornire una fonte di reddito per molti sudafricani qualificati - una situazione win-win per tutti.